blu
Il portale pratico del mare mercoledì, 24 aprile 2024

Ocean Globe Race
Translated 9 pronta al via


28-02-2024

Dopo le riparazioni effettuate in tempi record alle Falkand lo Swan 65 italiano si prepara a correre la quarta tappa del giro del mondo

Ocean Globe Race
Translated 9 pronta al via
Translated 9 è arrivato il 29 febbraio alle 21,45 a Punta del Este, in Uruguay, da dove il 5 marzo partirà la 4° tappa della Ocean Globe Race, il giro del mondo in equipaggio rievocativo della Whitbread del 1973-74. Lo Swan 65 di Marco Trombetti, aveva ripreso il largo domenica 25 febbraio dalle isole Falkand dove il 10 febbraio era stata costretta a fermarsi per fare fronte due gravi delaminazioni nelle sezioni di poppa che si erano verificate poco dopo il passaggio di Capo Horn.
 
Le riparazioni in quello sperduto arcipelago dell'Atlantico meridionale sono state a dir poco rocambolesche. Il team italiano ha dovuto convincere una nave cargo a tirare fuori la barca dall'acqua con la sua gru perché sull'isola non esistono travel lift. Lo Swan è stato quindi posizionato in un piazzale di Port Stanley, all'aperto, e Trombetti & Co. hanno dovuto creare dal nulla una impalcatura in ferro e una copertura in legno per circondare l'area dello scafo che necessitava interventi, proteggendola così dagli agenti atmosferici e consentendo alla resina di asciugare a temperatura adeguata. In tutto ciò si è rivelato determinante il supporto della comunità locale: una scuola ha messo loro a disposizione la palestra in cui riparare le vele e la Royal Airforce si è offerta di trasferire dall'Inghilterra 3 tecnici del team per effettuare le riparazioni. 
 
Necessitando quindi delle parti di ricambio, che naturalmente sull'isola non esistono, e non potendo sorvolare l'Argentina, il cui spazio aereo è interdetto per questioni militari, il team italiano ha dovuto recarsi in Cile con un piccolo bimotore, il che a sua volta ha rasentato l'impresa: per garantire la necessaria autonomia di volo hanno dovuto installare a bordo del velivolo di un serbatoio extra di 500 litri di carburante. Alla fine però, quasi miracolosamente, tutto si è risolto e Translated 9 ha potuto riprendere il largo.
La trasferta dalle Falkand all'Uruguay è stata un utile banco di prova per verificare la tenuta degli interventi effettuati ed ora è tutto pronto per la 4° e ultima tappa del giro del mondo.
 
Un vero peccato che malgrado tanta intraprendenza Translated 9 debba correre ormai senza la prospettiva di poter vincere il giro del mondo. Non essendosi classificati nella tappa 3 a causa della sosta alle Isole Falkland e dell'assistenza esterna ricevuta, cosa non consentita dal Regolamento di Regata, gli italiani sono ormai fuori gara.
Nella migliore gli sarà dunque riconosciuto il risultato per le tappe a cui hanno partecipato, ma non quello in Irc per l'intera competizione.
 
 

© Riproduzione riservata

Link: